Professionisti

SERIE C, REGGINA - Taibi a Radio Gamma No Stop: "Offerte per il club? Qualcuno ha chiesto informazioni, la Reggina è una realtà fertile"

20.11.2018 20:06

Massimo Taibi, direttore sportivo della Reggina, è intervenuto a Diretta Studio, la trasmissione di Radio Gamma No Stop, condotta da Gianni Agostino, in onda ogni martedì e ogni giovedì:

"Una squadra come la nostra ha bisogno del sostegno del pubblico, non a caso ha vinto le uniche partite giocate al Granillo. Non è una scusante o un alibi, ma è un dato di fatto. I vuoti dello stadio? Io credo che con un paio di risultati utili il numero degli spettatori aumenteranno, la gente di Reggio".

Difficoltà incredibili in pochi mesi: "Se mi avessero detto 17 anni fa di tornare a Reggio, sarei tornato in qualsiasi condizione. Le difficoltà di adesso non mi spaventano. Chiaro che quando sono arrivato c'erano presupposti diversi, c'era il Sant'Agata, non c'era il problema del Granillo, non c'era la situazione dello slittamento dei campionati. Da fuori è troppo facile giudicare, sopratutto chi non mette i soldi. Non mi sarei aspettato queste problematiche, ma non mi preoccupano"

"Offerte? Non so se sono arrivate, ma qualche imprenditore del Nord Italia ha chiesto delle informazioni. Reggio è una piazza molto appetibile, dove puoi riportare migliaia di gente allo stadio, con uno stadio importante"

Continua Taibi: "Io credo che oggi dobbiamo stringersi attorno alla proprietà e permettere a qualcuno di fare aiutare questo club a portare avanti la stagione. Poi nel futuro si vedrà cosa accadrà".

Sulla squadra: "Naturalmente in una pazza come Reggio le pressioni sono importanti e si sentono. Il mio compito è anche quello di fare capire ai ragazzi che questa piazza respira calcio ogni giorno. Gennaio? Mi sto confrontando con tutti i ragazzi, perché comunque ci sono ragazzi che giocano meno. Chiaramente in questa situazione economica siamo comunque costretti a stare attenti alle spese. Non c'è il pericolo di smantellare, ma solo ridimensionare, diminuire il budget per cercare di arrivare a giugno: non è semplicissimo, ma dobbiamo farlo. Sono stato "rimproverato" perché ho detto di volere un altro attaccante, ma chiaramente dobbiamo ricordare l'infortunio di Maritato".

Sempre sul futuro: "Secondo me i tempi sono maturi per permettere un investimento importante, in una piazza solida e sopratutto in un club che non vanta un'esposizione debitoria importante. Ripeto, i margini per un investimento da parte di qualche imprenditore importante, ci sono tutti".

Sui possibili investitori: "Romeo ci sta già dando una mano, vedremo se aumenterà il suo sostegno. Citrigno l'ho conosciuto, l'ho incontrato, ma non è compito mio dire che eventualmente può darci un sostegno. Idem per D'Agostino (imprenditore di Cittanova, ndr)".

Sulle prestazioni della squadra: "Non voglio più vedere prestazioni come il secondo tempo di Rende o quello contro il Monopoli. Stiamo lavorando sotto questo aspetto anche con lo staff, per capire come intervenire. Sicuramente contro formazioni più forti tecnicamente, come Potenza e Juve Stabia, abbiamo fornito un certo tipo di prestazione, magari perché loro non giocano chiusi".

Sugli allenamenti: "Ci alleniamo con continuità a Gallico, principalmente di mattina perché fa buio presto e comunque si deve allenare il GallicoCatona. Tra qualche tempo avremo il Granillo per uno-due allenamenti, perché al momento stanno realizzando dei lavori, in primis negli spogliatoi".

Su Cevoli: "A prescindere dalle difficoltà attuali della Reggina, lui comunque ha fatto un grande miglioramento passando da Renate a Reggio. C'è qualche disagio, è innegabile, ma lui sta lavorando con grande professionalità".

Sul settore giovanile: "Quest'anno si sta facendo un bel lavoro, in primis Belardi, ma va dato atto anche a chi ha lavorato nella scorsa stagione che il lavoro è stato comunque importante".

 

PRIMA CATEGORIA - Gli arbitri dei recuperi: in campo domani pomeriggio
SERIE C - SICULA LEONZIO-CATANZARO, al via vendita tagliandi settore Ospiti: tutte le INFO