Eccellenza

ECCELLENZA - LA VENTIDUESIMA GIORNATA in PILLOLE: Corigliano al primo ko, il derby all'Olympic. ReggioMed solo pari. In coda, sorridono GallicoCatona, Cutro e Isola

18.02.2019 17:30

Giornata numero ventidue del campionato di ECCELLENZA, tanti risultati importanti e classifica che prende sempre più forma:

 

CORIGLIANO-OLYMPIC ROSSANESE  1-2

Va all’Olympic Rossanese il derby dello Jonio. Il Corigliano gioca in pratica solo un tempo, poi “sparisce” dal campo e lascia spazio agli avversari, bravi a capitalizzare – nonostante l’inferiorità numerica dettata dall’espulsione di Granata ad inizio ripresa – un paio di azioni di rimessa per ribaltare il match. Nel primo tempo, invece, era stata netta la predominanza della formazione di mister De Feo, in gol Marco Foderaro su rigore dopo il tiro-cross di Gullo che coglie la traversa e a seguire vicinissima al raddoppio prima con l’incrocio dei pali colto da Giovanni Foderaro e poi, nel finale, con il tiro che Khoris che, a tu per tu con Ramunno, spara addosso al portiere. Un match dai due volti, cambiato nella sua essenza dall’espulsione di Granata per doppio giallo coincisa con un evidente calo fisico di alcuni uomini biancoazzurri e, di contro, con l’input a raddoppiare lo sforzo che invece scatena negli ospiti il fatto d’essere rimasti in dieci. In conclusione, dunque, merito all’Olympic Rossanese, che passa a Corigliano dopo tanto tempo (tra l’altro il team biancoazzurro non perdeva un match ufficiale del 26 novembre 2017, allorchè Sarli – oggi mister in seconda del Corigliano – segnò il gol vittoria con la maglia del Roggiano) e si prende tre punti fondamentali per la lotta playoff.

Da segnalare il bel contesto in tribuna, con il lato ospiti gremito per buona parte dalla consistente rappresentanza rossoblù e quello di casa, dalla parte opposta, affollato dal tifo biancoazzurro. In tutto ciò, intenso anche il minuto e passa di applausi che tutto lo stadio, prima che finisse il primo tempo, ha dedicato alla memoria del giovane Antonio Gencarelli (ricordato con uno striscione dagli Ultra Skizzati) scomparso solo qualche giorno fa in un tragico incidente d’auto.

Passando invece alla cronaca, la prima azione pericolosa arriva al 10’pt, con Gullo che sorprende Ramunno con un tiro-cross: la palla, deviata dal portiere ospite, coglie la traversa e poi finisce fuori. Al 14’pt passa il Corigliano: Isgrò salta tutti sulla sinistra, arriva in area, entra in area e crossa, ma Benincasa s’oppone col corpo. Per l’arbitro c’è però anche il tocco con il braccio e decreta quindi il calcio di rigore, che Foderaro M. trasforma dopo le proteste ospiti. Al 30’pt l’unico squillo rossoblù del primo tempo: Zangaro si ritrova davanti a D’Aquino, ma questi gli ruba il tempo salvando la sua porta. Al 42’pt magia di Foderaro G., che coglie l’incrocio dei pali con un destro a giro di prima intenzione che strappa gli applausi di tutto lo stadio. Al 45’pt Khoris lanciato da Biondo si ritrova solo davanti a Ramunno, ma gli calcia addosso. L’attaccante di casa si ripete, ancora senza fortuna, al 7’st, quando da buona posizione tira alto e manca il raddoppio. Subito prima Catalano aveva chiamato Ramunno alla deviazione (palla sulla traversa e poi in corner) su calcio di punizione. Nel mentre, appena inizia la ripresa, l’Olympic resta in dieci per il secondo giallo rifilato a Granata, che va anzitempo negli spogliatoi. Qui finisce la gara del Corigliano e inizia paradossalmente quella dei rossanesi. Al 19’st c’è infatti il pari del neo entrato Meta, che riceve palla in area da Sposato e beffa D’Aquino in diagonale, e al 30’st arriva anche il gol del sorpasso: Miceli stende Buongiorno in area e provoca il calcio di rigore che, dagli undici metri, lo stesso attaccante ospite trasforma spiazzando D’Aquino. Dopo cinque minuti di recupero, finisce con gli applausi di entrambe le tifoserie e i giusti festeggiamenti ospiti sotto la tribuna mare occupata dalla Brigata Bizantina.

 

COTRONEI-SERSALE  1-0

Il Cotronei si aggiudica la sfida contro il Sersale e continua a cullare l'obiettivo di approdare ai playoff. Il gol decisivo al 35', quando Caliò mette in rete un suggerimento di Arabia.

Nella ripresa, gli ospiti hanno un rigore, che però Scozzafava calcia fuori.

Sersale a +4 dalla quint'ultima, Cotronei a -8 dal terzo posto.

 

CUTRO-SCALEA  3-2

Emozioni a profusione e alla fine arrivano tre punti di platino per un Cutro mai domo. Angotti porta due volte avanti gli ospiti, ma la squadra di Vanzetto rimedia anche alle sue mancanze sotto porta, realizzando tre gol e portandosi a casa tre punti davvero preziosissimi.

Apre le danze il solito Angotti al 19', che sfrutta una topica della difesa di casa. Liperoti al 31' pareggia i conti con una botta da fuori. Il sorpasso cutree al 42' con Nunez, anche lui capace di colpire da fuori.

E' l'80' quando lo Scalea può beneficiare di un tiro dal dischetto: Angotti trasforma e sullo stadio di Cutro cade il gelo.

Ma le risorse del team biancoazzurro non finiscono mai e al minuto 84' è rigore per la squadra di casa: dal dischetto Nunez non sbaglia e fa calare il sipario sulla gara.

 

GALLICOCATONA-ACRI  3-1

Altro mattoncino importante verso la salvezza diretta. Il GallicoCatona ha messo il turbo in questa fase del campionato, Acri che sembra mollare la presa. La gara ha come grande protagonista il calciatore di casa Luigi Tripodi, che fulmina al 12' e al 35' il portiere ospite Bellanza. In mezzo, l'autorete di Sakhò a pareggiare momentaneamente i conti.

Dopo un grande intervento di Pratticò, triplica Covani e per il GalklicoCatona speranze di salvezza diretta in netta ascesa.

 

ISOLA CAPO RIZZUTO-SIDERNO  3-0

L'Isola non si ferma più. Quattro gare, dieci punti, zero reti subite e un rendimento offensivo che finalmente è eccellente. Ma il passivo è troppo pesante per un Siderno che ha avuto grandi occasioni per indirizzare il match.

Nel primo tempo Tozzo e Gliozzi hanno due ghiotte chance per portare avanti i biancoazzurri, ma sbagliano clamorosamente.

Nella ripresa, pronti via e ui padroni di casa passano con Rondinelli, che con un destro al volo fulmina Nania. Il Siderno reagisce e sfiora la segnatura con Gliozzi, poi con Figliomeni, che coglie il palo e poi va vicino al colpo grosso con una conclusioneche termina di poco alta sopra la traversa.

E' il minuto 79' quando Pugliese chiude i conti con il tocco sotto porta, mentre al minuto 89 il sigillo lo mette Assisi.

 

PAOLANA-TREBISACCE  1-0

La Paolana vince il derby e ringrazia il suo portiere Carino, che compie alcuni interventi risolutivi.

Gara combattuta, ma a risolverla è un gran tiro di Gaudio al minuto 35', che sorprende Andreoli.

Sul finale di gara, Carino togliere dalla porta i tentativi di conclusione di Naglieri, Galantucci e Gueyè e la Paolana può sorridere.

 

REGGIOMEDITERRANEA-BOCALE  0-0

Una gara in cui entrambe restano con l'amaro in bocca. La ReggioMed non sfrutta appieno il ko del Corigliano per portarsi a meno 2, il Bocale resta in 9 e sopratutto perde il suo talento Postorino, che ha subito un grave infortunio.

Primo tempo con i tenattivi dei padroni di casa di Zampaglione e Pellegrino, ma senza esito.

Nella ripresa la squadra di Iannì spinge, ma la manovra è confusa e frettolosa. Nenache i rossi per Mercurio e Guerrisi cambiano l'andamento e il risultato.

 

SERIE D GIRONE I - LOCRI-BARI 0-3, gli amaranto reggono solo un tempo, la capolista vola via
Cosenza-Cremonese: al San Vito sfida-salvezza