Professionisti

VERSO TORINO-COSENZA - L'emozione di Saracco, granata doc: "Sarà una grande emozione giocare contro la mia squadra del cuore"

11.08.2018 12:09

Umberto Saracco pronto a coronare il suo sogno, quello di giocare nello stadio della sua squadra del cuore. L'estremo difensore del Cosenza, nato a Moncalieri, parla a Gazzetta dello Sport della sua giornata speciale:

"L’esordio al Grande Torino lo avrà sognato mille volte nei suoi 12 anni in granata, dai Pulcini fino alla Primavera, nel settore giovanile del Toro. Ma il destino gli ha riservato una prima volta in questo stadio che nemmeno a scommetterci: Umberto Saracco è il portiere del Cosenza, e domani sera nella sfida di Coppa Italia incrocerà il suo lunghissimo passato. Sarà lui, un ragazzo del Filadelfia dei tempi moderni, a mettersi sulla strada del Toro di Mazzarri.

GRANATA PER SEMPRE Umberto Saracco è nato a Moncalieri. Ma Moncalieri è di fatto il nome presente solo sulla carta d’identità: perché Torino lo ha accolto quando era ancora un bambino. Aveva 8 anni e lo misero in porta tra i Pulcini perché era già più alto della media e tutti dicevano che fosse uno bravo. Il Toro lo prese e non lo lasciò andare fino alla Primavera, nella quale aveva Barreca e Aramu come compagni, fino a quella finale scudetto persa ai rigori l’11 giugno 2014 con il Chievo. A 24 anni ne ha fatta di strada, e da 4 anni si è trasferito a Cosenza, ai piedi della Sila. «Non posso negare che ho tifato, tifo e sempre tiferò per i granata. Giocare a Torino sarà bellissimo – ha raccontato Saracco – spero solo di godermi l’esperienza il più possibile e al meglio. Sarà una sensazione strana giocare contro la squadra in cui sono cresciuto, certamente sarà una grande emozione. Giocare in quello stadio è sempre stato uno dei miei più grandi obiettivi».

LA SERIE B C’è da scommetterci che, prima del fischio, il suo passato gli scorrerà tutto davanti agli occhi, con una naturale emozione, e gli sguardi andranno in tribuna a caccia della famiglia. Ma il presente è il Cosenza dove è stato un protagonista dell'ultima promozione in Serie B e dove, nel 2015, ha vinto anche la Coppa Italia di Lega Pro. Sì, prima di partire calerà una lacrima e galopperanno mille pensieri. Chissà se poi il campo cancellerà quella strana sensazione di trovarsi undici maglie granata di fronte, stavolta da avversari".

 

MERCATO SERIE B - CROTONE: UFFICIALE l'arrivo di Curado
CALCIO CAOS - La Lega B pronta alla battaglia: "Format a 19 squadre, lunedì i calendari"