Professionisti

SERIE C - REGGINA-CATANIA 3-0, Gaz.Sport: "Reggina formato XXL con 10mila spettatori, Catania presuntuoso". Gli HIGHLIGHTS della gara

25.03.2019 12:21

"Reggina formato XXL con 10mila spettatori, Catania presuntuoso", titola oggi Gazzetta dello Sport nelle pagine nazionali.

"Doppietta di Strambelli e gol su rigore di Bellomo: è trionfo. Drago rivede i playoff, la B diretta si allontana per Novellino", nell'occhiello.

"Vittoria netta della Reggina davanti a quasi 10mila spettatori. Un 3-0 senza diritto di replica come ha ammesso lo stesso tecnico del Catania, l’ex Novellino. La squadra di Drago comanda il gioco dall’inizio alla fine e stavolta non commette distrazioni. Ottima la gestione della partita, nessun errore individuale, grande lavoro in pressing di attaccanti e centrocampisti e così la linea difensiva riesce a mantenersi alta e a tenere lontani dalla porta Marotta e Di Piazza, i quali non sono mai riusciti a impensierire la retroguardia calabrese. Poi, quando necessario, il capitano Conson da ultimo guerriero libera l’area con energia. Il portiere Confente praticamente mai impegnato a differenza di Pisseri (incolpevole sui gol), il quale ha dovuto mettere pure qualche pezza sullo scatenato Strambelli. Brusca frenata per il Catania, con Novellino che conosce la prima sconfitta dopo un pareggio e due vittorie di fila con Catanzaro in trasferta e sette giorni fa con la capolista Juve Stabia al Massimino. Un mese di marzo, per i rossazzurri, che si chiude (domenica il Catania riposa) con una debacle inaspettata e un bilancio di 7 punti che pregiudica seriamente l’ambizione per la promozione diretta.

E BRAVO DRAGO Impotente la formazione etnea sin dalle prime battute di fronte ad una Reggina mai vista così bella sotto la gestione Drago, che subito si fa vedere con Bellomo con un tiro di poco sopra la traversa. Risponde il Catania con Baraye che cade in area, l’arbitro non abbocca e lo ammonisce per simulazione. Trascinati dal pubblico i padroni di casa sbloccano il risultato con Strambelli con il pallone che finisce nell’angolino alla sinistra di Pisseri, ma il merito va a Doumbia che di prepotenza entra in area e da posizione decentrata invita il compagno alla battuta finale. Il tiro di Bucolo, in mezza girata, respinto da Confente prima dell’intervallo l’unica nota di cronaca siciliana.

Si ritorna in campo e al primo affondo la Reggina raddoppia: sombrero di Doumbia a Silvestri che lo atterra prima di battere a rete: rigore. Alla trasformazione ci pensa Bellomo. Sotto di due reti Novellino toglie un difensore (Baraye), mette un attaccante (Sarno) e sposta Marchese esterno, per un 4-3-3. E quando arriva il chirurgico mancino di Strambelli dal limite destro dell’area che si deposita sotto l’incrocio dei pali, con il portiere che tenta vanamente con un tuffo di evitare la terza capitolazione, Novellino inizia la girandola delle sostituzioni ma senza ottenere risposte. «Con la presunzione — dice l’ex allenatore amaranto — non si va da nessuna parte. Il responsabile forse sono io che non sono riuscito a trasmettere la giusta determinazione. Vittoria meritata della Reggina»", si legge.

Voti estremamente positivi per tutti, Strambelli il migliore dei suoi, 8, poi 7,5 Doumbia, 7 per Marino, Conson, Bellomo e Drago, gli altri 6,5.

 

SERIE D - ROCCELLA, il cammino sino al termine del campionato: c'è da scalare l'Everest
ECCELLENZA - OLYMPIC ROSSANESE-SIDERNO 6-0, travolgenti rossoblu, per il Siderno è quasi finita