Professionisti

SERIE B - CROTONE, Gaz.Sport: "Stroppa resta al suo posto"

10.10.2018 11:51

Stroppa resta als uo posto. La conferma arriva direttamente dal Crotone, che dunque preferisce non optare per la sostituzione, nonostante i rumors dei contatti con vari allenatori. Gazzetta dello Sport ricostruisce le mosse che hanno condotto alla conferma del trainer lombardo:

Dietrofront Crotone. Giovanni Stroppa incassa la fiducia della società e continuerà a guidare la formazione rossoblù. Una scelta che in un certo senso spiazza un po’ tutti se non altro per le dichiarazioni pepate del presidente Vrenna all’indomani del k.o. di Palermo. Quando tutti si aspettavano l’esonero del tecnico lombardo ecco invece il colpo di scena. Stroppa non è più in discussione e torna a comandare la squadra. E pensare che alcune indiscrezioni avevano già individuato gli eventuali sostituti (Oddo, Rastelli e Zenga) ma il presidente Gianni Vrenna cancella via con un sol colpo tutte le illazioni circolate nelle ultime ore. «Non abbiamo contattato nessuno perché avevamo prima di ogni cosa necessità di confrontarci con l’allenatore per poi prendere le decisioni».

FIDUCIA VIA ETERE E il confronto è arrivato nella giornata di ieri in una sorta di audio-conferenza in «viva voce» telefonica con da una parte il tecnico lombardo e dall’altra il presidente e tutto il suo entourage. «Abbiamo avuto un confronto sereno e tranquillo con Stroppa al quale abbiamo rinnovato la fiducia. Inutile negare, tanto è sotto gli occhi di tutti, che viviamo un momento di estrema difficoltà – spiega Gianni Vrenna – ma questo lo sa perfettamente anche l’allenatore perché se i numeri vogliono dire qualcosa allora appare chiaro che 4 sconfitte in sette gare è un bilancio decisamente pesante. Stroppa ci ha confermato di sapere perfettamente quali sono i programmi e le potenzialità del Crotone e garantito il suo impegno».

SOSTA AMICA «Adesso – prosegue Vrenna - arriva anche la pausa che non può che essere un aiuto per superare questo momento abbastanza complicato per cui si avverte la necessità di ricompattare l’intero ambiante a cominciare dalla squadra, passando per la società perché occorre assolutamente ripartire». Una fiducia che probabilmente ha alla base anche garanzie dal punto di vista tecnico. Ecco come si esprime Vrenna. «Noi non scendiamo mai nel merito tecnico ma sta all’intelligenza delle persone capire se le cose vanno o non vanno, dove si è sbagliato e dove si deve intervenire». Vrenna non lo dice ma si capisce che il modulo con i 3 difensori deve essere rivisto. E rilancia anche per quel che riguarda gli obiettivi stagionali. «Dobbiamo superare prima possibile questa fase di difficoltà e poi ritornare a guardare la classifica verso l’alto e non verso il basso come stiamo facendo in questo momento».

VIETATO SBAGLIARE Dopo la sosta ecco arrivare anche una mano dal calendario che propone due gare casalinghe di fila e che dovranno indissolubilmente dare una svolta alla stagione che è iniziata male. «Le due gare ci dovranno garantire sei punti perché abbiamo necessità di riconquistare il terreno perduto senza mai perdere di vista la vetta». Ma l’impressione che se ne ricava è che proprio le prossime due gare saranno il vero esame di laurea per Stroppa. In caso di insuccesso anche nella prima contro il Padova si tornerebbe al punto di partenza. Stroppa quindi al momento è salvo ma resta sub judice".

 

 

COPPA CALABRIA - Oggi gare d'andata degli ottavi: gli arbitri delle sfide
COPPA ITALIA SERIE C - Catanzaro-Rende 3-1, l'analisi di Gaz.Sport: "Missione compiuta per i giallorossi, ma quanta fatica"