Professionisti

SERIE C - CATANZARO, Logiudice a tuttocampo: "Vedo troppa negatività dopo otto gare. ci mancano tre/quattro punti per decisioni arbitrali particolari"

07.11.2018 08:14

Il direttore sportivo del Catanzaro, Logiudice, si è presentato in sala stampa per commentare il momento dei suoi:

"In una fase particolare della stagione, è giusto chiarire la situazione della squadra e il discorso puramente tecnico. C'è molto dispiacere per qualche risultato che non è arrivato, però questi undici punti che abbiamo conquistato vanno analizzati per come sono arrivati. La squadra ha avuto una buona espressione di gioco per almeno sei gare e mezzo, abbiamo avuto un ottimo possesso palla, ma spesso abbiamo tirato poco in porta per quanto abbiamo sviluppato: questo è un difetto, forse strutturale o forse i ragazzi non hanno assimilato certi concetti dell'allenatore. In ogni caso, molti tifosi, dopo qualche gara sono usciti dallo stadio contenti del gioco".

Continua Logiudice: "Ci mancano tre-quattro punti per situazioni non legati alla parte tecnica, ma anche a causa di chi ci giudica sul campo. Oggi, con quattro punti in più e due gare giocate in più, stavamo parlando di ben altro. Non abbiamo costruito una squadra per vincere il campionato, altrimenti non andavamo ad acquisire alcuni elementi giovani. Ripeto, siamo amareggiati per quei punti sottratti, ma secondo me questa amarezza non può sfociare un questa critica troppo eccessiva, che non capisco a cosa voglia portare. Il nostro programma è abbastanza chiaro, sono venuto a parlare perché ho notato che anche quando si vince c'è sempre qualcosa sulla quale ridire, si va sempre a trovare il lato negativo. Io non voglio parlare di alibi, ma abbiamo avuto problemi con il portiere, abbiamo avuto problemi con i difensori, abbiamo avuto problemi con il centravanti, che durante il ritiro estivo aveva dato garanzie sotto l'aspetto fisico, poi chiaramente abbiamo anche guardato il mercato. Noi siamo in una fase imbrionale della programmazione, questo non vuole dire che non vogliamo vincere, ma non siamo il Foggia, il Lecce o il Catania che dobbiamo vincere tutte le partite perché abbiamo investito tanto nel corso degli anni".

Sugli arbitri: "Sento che il presidente della Casertana si lamenta, ma io credo che qualcuno ci ha tolto qualcosa, nonostante si parli di tre-quattro punti. Poi tutti hanno il dovere di dare il massimo, i giocatori, io e l'allenatore".

Sul rapporto con Auteri: "Non dobbiamo andare a dormire nello stesso letto. Siamo due figure con carattere forte, ma tutte le scelte sono state condivise, sia con lui sia con la società".

Sul campionato: "E' un torneo difficile, devi creare i presupposti per vincere il campionato. Le squadre vanno costruire nel corso degli anni, non si possono prendere cinque milioni e comprare i giocatori, può non bastare".

Sul rendimento della squadra: "Rispetto alle abitudini delle squadre di Auteri, c'è una difesa migliore e un attacco meno prolifico".

 

SERIE B - COSENZA, Baclet indica la strada: "Continuiamo a lavorare per cancellare gli errori"
COPPA ITALIA ECCELLENZA - Gli arbitri del ritorno dei quarti di finale: Spasari di Soverato per Corigliano-Olympic