Eccellenza

ECCELLENZA - ACRI: "Noi non molliamo!"

10.12.2018 18:34

Messaggio forte e chiaro dall'Acri Calcio: "Non molliamo!".

Dopo l'ennesima sconfitta di ieri, comprensibile un pò di scoramento nella piazza. Ma il club ha lanciato un appello ai tifosi e a tutta la comunità:

"Dopo la quattordicesima giornata di campionato la nostra classifica non ammette repliche: ultimo posto. 

Sappiamo tutti le condizioni iniziali e le tante difficoltà avute in questi mesi per poter organizzare una società ed una squadra. Il poco tempo a disposizione e la necessità di fare tanto sia dal punto di vista societario che prettamente sportivo ha sicuramente influito sull’attuale situazione. 

A questi fattori c’è da aggiungere anche qualche errore commesso.

Nulla però è ancora perduto, c’è ancora tempo per poter rimediare e cercare di realizzare un impresa che forse al momento per tanti è solo pura utopia. 

L’Acri Calcio non è il patrimonio  di un singolo o di un gruppo ristretto di persone: l’Acri è la storia sportiva di una città intera.

Nessuno di noi ha intenzione di mollare, nessuno di noi si rassegnerà. Lotteremo fino a quando ci sarà la speranza di compiere l’impresa . 

Le imprese, però, non arrivano per caso ma solo attraverso il lavoro, l’unione e la caparbietà verso gli obiettivi.

Siamo qui per chiedere un ulteriore aiuto ai veri tifosi rossoneri e a tutti coloro i quali hanno a cuore questi colori. Tale aiuto non è inteso solo come “aiuto economico”, ma anche vicinanza alla società attraverso le varie forme di partecipazione. Invitiamo dunque i tifosi l’intera Amministrazione Comunale,gli imprenditori/professionisti e chiunque voglia partecipare  a dare fattivamente un aiuto alla società. Noi non molleremo ma come ribadito abbiamo bisogno di tutti indistintamente.

Per questi motivi martedì sera (luogo da decidere) è stato convocato un incontro aperto a tutti".

 

MERCATO SERIE D - ROCCELLA, UFFICIALE la cessione di Catalano: l'attaccante al Messina
ECCELLENZA - CORIGLIANO, polemica tra gli Skizzati Group e il patron Nucaro: "No alla fusione con le squadre di Rossano". "Deluso dalla risposta della Città"