Professionisti

SERIE C - Rende, il presidente Coscarella: "Mi chiedo se è il caso di fare calcio a Rende"

07.02.2019 19:47

 

Difficile momento in casa Rende, una vittoria che manca da metà dicembre ma che comunque non intacca quanto di straordinario fatto nella prima parte di stagione da mister Modesto. Rinnovata la fiducia al tecnico, adesso serve ritornare a vincere ed ottenere una maggiore continuità di risultati che in questo momento stentano ad arrivare e hanno scaldato gli animi dei tifosi biancorossi.
A tal proposito è intervenuto il presidente Fabio Coscarella che ha fatto il punto della situazione, ecco le sue dichiarazioni riportate da il Quotidiano del Sud:

"A volte mi chiedo se è il caso di fare calcio a Rende, i tifosi si fanno strumentalizzare dai discorsi politici, in prossimità delle elezioni comunali. I costi di una partita superano i ricavi del botteghino. Forse dovrei fare calcio altrove, ma a Rende sono legato da questioni affettive, perché mio padre in passato diede lustro a questa città. Dovrei essere supportato e incentivato, una prima parte dei finanziamenti per il nuovo stadio è già pronta, attendiamo i lavori per la realizzazione della rotatoria".

Lo stesso presidente è intervenuto anche sul caso Awua: "Deve essere riconoscente al Rende, qui è esploso ed è stato inserito in un contesto familiare; il ragazzo ha assunto la consapevolezza che qualcuno gioca a fare il furbo, ci sono arrivate tante richieste ma fino a giugno il suo futuro dipende da noi, ora ha solo bisogno di ritrovare serenità e tranquillità".

Si attendono sviluppi importanti in settimana, infatti pare sia previsto un incontro tra lo stesso presidente Coscarella, il sindaco Marcello Manna e una rappresentanza della tifoseria biancorossa.

PROMOZIONE GIRONE B - Bagnarese: il nuovo tecnico è Antonino Barillà
SERIE B - COSENZA, presentati alla stampa i nuovi acquisti del mercato invernale