Professionisti

SERIE C - VIBONESE, parla il dg Beccaria: "Buona stagione, ma pensiamo già alla prossima"

16.05.2019 17:09

In casa Vibonese è già avvenuto il rompete le righe. IL dg Beccaria fa il punto della situazione ai microfoni del sito ufficiale:

«E’ stata una lunga stagione – spiega il Direttore generale Danilo Beccaria è giusto adesso prendersi qualche giorno di pausa e riflessione. Abbiamo la certezza di aver fatto una buona stagione, in linea con i programmi, ma è chiaro che se vogliamo crescere tra i professionisti dobbiamo analizzare al meglio anche la seconda parte della stagione in cui probabilmente avremmo potuto fare di più. Per me – continua – la stagione si può riassumere in due gare, ironia della sorte finite con lo stesso punteggio ma con uno stato d’animo ben diverso. Il pareggio contro la Casertana a Caserta e quello contro la Paganese in casa. Per me la sintesi perfetta di una stagione in cui avremmo potuto forse sfruttare meglio il girone di ritorno. L’autocritica – sottolinea – è fondamentale se si vuole alzare l’asticella».

Quasi un obbligo in vista di una stagione che si prospetta tra le più battagliere degli ultimi anni: «Il prossimo sarà un campionato durissimo – rimarca Beccaria – ci saranno club blasonati che potranno contare su budget importanti. Impossibile competere con loro facendo leva solo sulle casse societarie. Servirà maggiore organizzazione, intuito e velocità per limitare i danni, competere con le squadre dello stesso livello e magari togliersi qualche soddisfazione contro piazze importanti».

Parola d’ordine, quindi, giocare d’anticipo: «Siamo costretti a farlo – spiega – in realtà non ci siamo mai fermati. Già quest’anno abbiamo costruito una mini rete di collaboratori e scouting che settimanalmente ci hanno riportano le loro impressioni su diversi calciatori in giro per l’Italia impegnati in campionati di Serie D, Eccellenza e Primavera. Un club come il nostro – sottolinea – deve puntare a scoprire nuovi profili e rilanciare qualche giocatore di prospettiva che per motivi diversi non è riuscito ad “esplodere”. Vibo – continua  – è la piazza ideale per questo tipo di strategia. Qui i giocatori non hanno particolari pressioni e possono esprimersi al meglio delle loro potenzialità. In questi anni, tra l’altro, siamo riusciti a costruire buoni rapporti con club come Benevento, Fiorentina, Lazio, Milan, Roma e Torino che adesso pensano anche alla Vibonese e a Vibo Valentia per valorizzare i loro talenti che non trovano spazio in prima squadra».

Possibili new-entry che andranno a completare un gruppo già corposo: «Abbiamo sotto contratto diversi giocatori tra senatori e under. Puntiamo a far rimanere a Vibo qualche giocatore arrivato in prestito. E’ chiaro che qualcun altro, invece , andrà via, o perché è richiesto in piazze più prestigiose (e questo potrebbe essere un altro aspetto societario positivo) o perché non rientra più nei nostri piani, d’altronde i cicli si aprono e si chiudono. Soprattutto nel calcio».

 

SERIE C - CATANZARO, Kanoutè c'è: "Non siamo inferiori a nessuno"
SERIE C - REGGINA, Luca Gallo: "Da oggi un nuovo inizio"