SERIE D - Qui Isola, ecco due nuovi Under. Pisano e Piraino si presentano: "Qui per la salvezza, poi..."

 di CG Redazione  articolo letto 433 volte
SERIE D - Qui Isola, ecco due nuovi Under. Pisano e Piraino si presentano: "Qui per la salvezza, poi..."

L'Isola Capo Rizzuto ha dato il là ad una serie di nuovi arrivi per dare forma e sostanza al proprio organico.

In prestito dalla Reggina ecco il centrale difensivo De Carlo, classe 2000, e il laterale di difesa Gabriele Daniello, anch'egli classe 2000.

Intanto è stato presentato il nuovo tecnico Pisano: "Non è un campionato di livello altissimo. Con continuità e con qualche calciatore che verrà a dare una mano, sarà possibile a mio avviso raggiungere la salvezza. Ci crediamo, ci sono tantissime partite da disputare. La sosta ci permetterà di conoscere tutta la squadra, ho visto la prova di Messina e secondo me ci sono tutti i presupposti per fare bene. Modulo? In carriera ho avuto tecnici importanti, io voglio prendere un pò di tutto da loro, preferisco il 4-3-3, ma serve tempo per capirne i meccanismi, in questo momento il 4-2-3-1 è il più equilibrato per questa squadra. Ho comunque visto una squadra motivata e che ci crede".

Sulla gara di Messina: "Ho visto decisioni arbitrali particolari. Ci faremo sentire, non siamo la vittima sacrificale di nessuno

Ha parlato anche il ds Piraino: "E' una squadra che ha buone qualità, ma chiaramente deve essere puntellata, principalmente in attacco. Abbiamo chiuso per i due Under della Reggina, ne visioneremo altri, mentre abbiamo altre trattative in corso per l'attacco e per il difensore Over. Non vogliamo stravolgere la squadra, ma solo completarla. Cercheremo di fare più punti possibili e magari salvarci anche tramite i playout. Pisano era leader già da calciatore, ha quelle caratteristiche per essere l'allenatore emergente giusto, lui riesce a dare nello spogliatoio la giusta grinta ai calciatori. Per salvarti devi avere la giusta grinta, certe gare sono battaglie".

Piraino spiega il suo arrivo a Isola: "Stavamo portando avanti una trattativa con il Varese Calcio, ma lì c'era una situazione debitoria importante, che comunque intendevamo spalmare su più anni. Lì era una squadra da rifare, mentre l'Isola è una società sana e quindi abbiamo pensato di fare un progetto tecnico qui in Calabria, una volta raggiunto l'obiettivo, vediamo se di comune accordo con la proprietà si può fare un progetto diverso che non sia un campionato di salvezza".