SERIE C

SERIE C, Catania, Raffaele: "Inizia a mancarci la vittoria"

16.11.2020 14:40

Il tecnico del Catania, Raffaele, ha parlato direettamente ai canali ufficiale del club dopo il ko sul campo del Teramo:

"Primo tempo condizionato da questo gol preso all’inizio che ha cambiato subito gli equilibri. Abbiamo cercato di pressarli alti, di fare un primo tempo di gamba e pressione forte ma quelle volte che sono venuti fuori dal pressing la mia squadra ha sofferto qualche situazione tra le linee. Credo, comunque, che sia stata una prima frazione equilibrata in fin dei conti. Nella ripresa abbiamo inserito Reginaldo. Stiamo cercando di far giocare un pò tutti i calciatori a disposizione in queste partite ravvicinate. Reginaldo veniva da 15 giorni di Covid dove non si è allenato. E’ tornato in campo lunedì a Palermo. Nel secondo tempo abbiamo fatto di tutto per cercare il gol, non siamo riusciti a trovare la palla giusta"

Continua Raffaele: "Ho visto un Catania molto vivo nella ripresa, per fortuna adesso ci attendono due gare consecutive in casa. Siamo alla ricerca di questo successo che comincia a mancare anche per l’autostima dei ragazzi. A Teramo abbiamo offerto una prova all’altezza della situazione. E’ chiaro che parliamo di una sconfitta e veniamo da un periodo in cui il Catania ha raccolto pochi punti. Bisogna pensare subito ad evitare determinati errori. I ragazzi hanno dimostrato voglia e determinazione, mettendo i biancorossi nella loro metà campo nei secondi 45′. Se avessimo pareggiato ci sarebbe stato stretto anche il pari. Pesa l’assenza di determinati giocatori ma dobbiamo essere a bravi perchè adesso serve una risposta convinta. Il calendario ci ha messo di fronte alle prime della classe, ma oggi penso che ce la siamo giocata alla pari. Speravo di fare qualche punto in più. Adesso però tocca dimostrare perchè altrimenti diventa difficile. Infermeria? Sono usciti un pò malconci Claiton e Silvestri, valuteremo".

SERIE C, l'arbitro di Catania-Vibonese: dirigerà Acanfora di Castellammare
SERIE B, Reggina, iella Charpentier: ancora ko!