SERIE A

SERIE A, caos Lazio: la Procura di Avellino a Formello. Rischio penalizzazione per il club

08.11.2020 12:21

Caos Lazio sulla serie A. Nella serata di sabato la Finanza ha fatto visita al Centro Sportivo dei biancocelesti per continuare l'indagine riguardo la questione tamponi e positività. 

Su Sportmediaset le ultime sulla questione:

Sono giornate davvero convulse in casa Lazio travolta dal caos tamponi. Dopo gli 007 federali, anche la Procura di Avellino si è attivata per fare chiarezza con un blitz a Formello e nel laboratorio Diagnostica Futuro di Avellino. L'inchiesta della Procura federale, intanto, va avanti e domani sarà sentito Ivo Pulcini, il direttore sanitario del club. Gli ispettori della Figc sospettano violazioni del protocollo, per la mancata comunicazione delle positività alla Asl e per il mancato isolamento di 10 giorni previsto in queste circostanze. 

Come mai alcuni giocatori positivi per quelli dell'Uefa, sono negativi per Avellino? Il test Synlab, ente ufficiale della Uefa, identifica i 3 differenti geni bersaglio (gene E, gene RdRP e gene N), in conformità ai protocolli internazionali (OMS). Il gene della discordia è quello N che secondo quanto sottolineato dalla Lazio indicherebbe solo una debole positività e dunque non precluderebbe la possibilità ai giocatori di scendere in campo.

Ma cosa rischia dal punto di vista sportivo il club di Lotito? Le sanzioni vanno dall'ammenda all'esclusione del campionato (ipotesi più remota), passando dalla penalizzazione (rischio più concreto in caso di colpevolezza) alla retrocessione. Bisognerà valutare se la società abbia commesso un mero errore di valutazione nella procedura dei tamponi a cui si sono sottoposti i giocatori o, nell'ipotesi più estrema, ci sia stata una sorta di alterazione volontaria.

SERIE C, Cavese: la società ribadisce fiducia a mister Modica
LIVE CALABRIAGOL! TORINO-CROTONE 0-0, FINALE: un buon punto per Stroppa