SERIE B

SERIE B: "Dessena-Jagiello, il Brescia c'è. Cosenza ancora sconfitto"

08.11.2020 11:20

"Dessena-Jagiello, il Brescia c'è. Cosenza ancora sconfitto", scrive Gazzetta dello Sport nelle pagine nazionali.

"L’esperienza e il saper essere più squadra hanno premiato il Brescia nonostante il Cosenza nella seconda parte della ripresa abbia prodotto tanto. Una vittoria sofferta per Lopez che, con una partita da recuperare, comincia a sentire il profumo della zona playoff. Seconda sconfitta di fila per Occhiuzzi il quale è stato costretto a rimandare l’appuntamento con la vittoria in questo inizio di stagione. Sul risultato pesa un episodio avvenuto in pieno recupero nell’area bresciana: contatto Ragusa-Falcone (il portiere, sulla battuta di un calcio d’angolo, si era portato in avanti nel tentativo di arrivare al pareggio) che ha lasciato un po’ di dubbi.

Occhiuzzi ha riproposto il colombiano Vera a sinistra e ha lanciato Borrelli dal primo minuto in avanti, rispolverando il 3-4-3 con Carretta e Baez a completare l’attacco. In mezzo al campo ha dato fiducia a Bruccini e Kone. E l’inizio di partita ha visto una squadra propositiva, capace di produrre gioco, arrivare con facilità nei pressi dell’area di rigore del Brescia e al cross. È mancata l’incisività, con pochi giocatori a seguire la giocata. Dall’altra parte Lopez ha confermato le anticipazioni della vigilia: Ragusa, Torregrossa e Donnarumma recuperati ma per la panchina. A centrocampo c’è Ndoj preferito a Bisoli mentre Ayè ha agito da punta centrale supportato da Spalek e Jagello. L’allenatore ha quasi subito invertito le posizioni degli interni di centrocampo Ndoj e Dessena, intuizione che ha funzionato visto che proprio dal piede dell’italo-albanese è arrivato il primo tiro in porta della gara, parato da Falcone. Poi uno scontro fortuito con Tiritiello lo ha costretto a lasciare il campo in barella con Bisoli che ha preso il suo posto. È nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo che il Brescia, probabilmente, ha costruito la vittoria. Infatti appena entrato in campo proprio sui piedi di Bisoli (assist di Ayè) è capitata l’occasione più nitida ma la conclusione al volo è finita di poco a lato. Ci ha provato anche Mangraviti di testa, a conferma che il gol era nell’aria: il secondo minuto di recupero era quasi scaduto e Dessena di testa ha anticipato i tre difensori del Cosenza capitalizzando un tiro sporco di Spalek.

A inizio secondo tempo, la squadra di Lopez ha trovato l’acuto giusto per mettere al sicuro la partita: botta tesa e precisa di Jagiello dai 25 metri e pallone all’angolino dove Falcone non può arrivare. Sotto di due gol, Occhiuzzi ha ridisegnato il Cosenza con un 4-2-3-1 che ha visto Bahlouli prendersi la copertina. Il giovane francese ha firmato il gol che ha riaperto la partita con un destro a giro sotto l’incrocio. Decisivo l’errore di Papetti. Da quel momento in poi è stato un vero e proprio assalto alla porta di Joronen: due errori di Baez, uno tiro di Carretta di poco fuori e altre due occasioni capitate a Bahlouli. Al Cosenza rimane il rammarico per i troppi errori, al Brescia la convinzione di avere intrapreso il percorso giusto nonostante mezzora di sofferenza finale", l'analisi del quotidiano sportivo.

I migliori per Gazzetta sono Kone e Bahlouli, 6,5. Voto 6 ai vari Falcone, Tiritiello, Legittimo, Bruccini, Sciaudone e Carretta.

SERIE B, "L'Empoli in volo, riparte la fuga. Tris alla Reggina"
SERIE C, Bisceglie, incubo Covid: altre sei positività