Eccellenza

Spadafora: "Le ultime misure per ASD e SSD"

16.11.2020 22:41

Il ministro dello Sport, Spadafora, ha parlato in una diretta social delle misure adottate per aiutare i club:

"L'Agenzia delle Entrate ha già erogato i contributi a tutti i codici ATECO. Abbiamo aggiunto agenti e procuratori sportivi, corsi sportivi e ricreativi, corsi di danza e servizi alla persona. C'erano già i gestori di impianti sportivi polivalenti e le organizzazioni e le promozioni di eventi sportivi. Tutti hanno ricevuto sul proprio conto corrente il doppio della volta scorsa. Sono bonifici che ammontano ad oltre 100 milioni di euro. Domani 17 novembre scade la domanda per accedere al fondo perduto da parte di ASD e SSD che pagano fitti: ad oggi si sono iscritte 5644 società. Faremo le varie verifiche con l'Agenzia delle Entrate entro qualche giorno, quindi il Dipartimento per lo Sport provvederà ai pagamenti entro la fine di questo mese. Mercoledì 18 novembre apriremo una finestra settimanale per quelle ASD e SSD che, non gestendo impianti e non pagando affitti, vorranno accedere al fondo perduto per pagare utenze e onorare altre spese relative magari a sanificazioni e oneri simili. La finestra si chiude il 25. Anche qui saranno fatte le dovute verifiche e poi il Dipartimento pagherà celermente: i fondi sono arrivati anche al Dipartimento, oltre che a Sport e Salute per quanto concerne i lavoratori sportivi. Quindi non ci sono problemi. In tutti questi casi, sia per la finestra che si chiude domani, sia per quella che si apre mercoledì, le società riceveranno un contributo raddoppiato rispetto all'ultimo percepito, per quanto corrispondente a tre mesi. Ora parliamo di un periodo di copertura più breve, magari di due mesi. Ma abbiamo comunque calcolato eventuali problemi che abbiate incontrato. Insomma, abbiamo tutelato tante categorie, abbiamo aumentato i contributi, stiamo coprendo tutto. E allora a breve pubblicheremo anche una cartina geografica che faccia una fotografia di quante ASD e SSD, regione per regione, provincia per provincia, abbiano chiesto i contributi. Non metteremo i nomi per la privacy, ma renderemo noto l'ammontare dei fondi scaglionati per territorio, perché è giusto che il nostro sforzo venga riconosciuto pubblicamente. Tanti soldi hanno finanziato lo Sport di base ed è giusto che si sappia quali province ne hanno usufruito in misura maggiore. Noi siamo attenti a tutto, leggiamo le lamentele che ci arrivano. E allora se qualcuno è rimasto fuori per qualsiasi motivo o per un certo tipo di casistica, faremo in modo di aiutarlo in un secondo momento". 

SERIE B, Frosinone-Cosenza, il notiziario: Nesta al completo, dubbi per Occhiuzzi
SERIE D, Marina di Ragusa: due casi di positività al Covid-19