Vibonese

SERIE C, "Plescia: Voglio segnare, ma non esulto"

18.12.2020 11:29

 

"Plescia: Voglio segnare, ma non esulto", scrive Gazzetta dello Sport nelle pagine regionali in vista di Vibonese-Palermo, con le parole del bomber Plescia.

"Vive a un quarto d’ora da Palermo, gioca a Vibo ma è del Renate e l’Empoli ha il diritto di «recompra». Vincenzo Plescia prepara il “suo” derby con un occhio al futuro. Domenica al “Luigi Razza” si gioca infatti Vibonese-Palermo e per lui sarà una partita speciale. Il bomber di Villafrati (sei gol e due assist in dodici presenze con la maglia rossoblù) ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile rosanero: dieci anni dai Pulcini alla Primavera, compresa la finale al Viareggio persa contro la Juve. «Sto vivendo sensazioni belle ma molto strane – dichiara il 22enne attaccante in prestito dal Renate - perché non mi aspettavo di affrontare il Palermo in Serie C e domenica vivrò emozioni che mi porterò dietro per tutta la vita. Spero di segnare e se lo farò non esulterò perché ho grande rispetto per i tifosi palermitani e per la società».

Vibonese-Palermo sarà un derby anche per Angelo Galfano (un passato da allenatore della Primavera rosanero), per il portiere Marson, i centrocampisti Ambro, Prezzabile e Tumbarello, una mini-colonia siciliana. A vario titolo e in anni diversi sono tutti ex di turno. «È ovvio – aggiunge Plescia – che per noi questa è una partita diversa dalle altre ma la stiamo preparando come le altre, al meglio. Il Palermo è il Palermo ma noi giochiamo sempre per vincere e lavoriamo per fare punti anche in questa partita». Come? L’attaccante rossoblù ha le idee chiare. «Per batterlo servirà tanta grinta perché avremo di fronte una squadra rognosa composta da giocatori importanti. Serve consapevolezza nei nostri mezzi e occorrerà correre tant,o perché loro sono una squadra molto fisica».

D’altronde la Vibonese non ha mai sfigurato contro le grandi. Nei confronti con le prime cinque della classe ha perso solo con la capolista Ternana. «Forse – sostiene - perché con le big mettiamo sempre più attenzione e riusciamo ad esprimerci al meglio. Con la Ternana abbiamo perso ma quella prestazione ci ha dato tanta autostima e quella carica è servita per uscire indenni anche da Bari. Il nostro obiettivo resta però la salvezza e lavoriamo quotidianamente per centrarla il prima possibile e senza affanni. Poi magari cercheremo di entrare tra le prime dieci e arrivare ai playoff». Il futuro è tuttavia un’incognita anche per Vincenzo Plescia, uno dei talenti più richiesti della Serie C. «Ho avuto – ammette - già contatti con squadre di C e anche di B ma penso a fare bene con la Vibonese e ad arrivare in doppia cifra nella classifica dei cannonieri». Il sogno nel cassetto? «Arrivare in A. Sarebbe fantastico se col Palermo»", si legge.

SERIE C, "Branduani e Carlini vogliono la B a Catanzaro"
SERIE A, gli arbitri della tredicesima giornata: Samp-Crotone a Manganiello